Serie C Femm. : Vinciamo ma non convinciamo !

VOLLEY MARCA PAESE  –  CHIME CASTELLANA

 

Sabato 01/12/18 ore 20.30

Palestra Comunale Olimpia – Paese (Tv) – Via Olimpia

VOLLEY MARCA PAESE     0

CHIME CASTELLANA          3

PAESE: Dotta, Sartor, Dal Colle, Granello, Scapin, Brunello, Pizzolotto, Pavin, Finco, Da Rin Lib, Visentin Lib. 1° All. Mazzon 2°All. Vendrame

CHIME CASTELLANA: Bianco, Ceolato n.e., Dinello, Giacomuzzo, Marton, Mazzucco, Miotti n.e, Ruaro, Sbalchiero n.e.,Sgreva,Tezze , Trevisan n.e., Perli Lib, Peruffo Lib. 1° All. Cisaro Renato 2° All. Pretto Ilario.

Arbitro: 1° Ivan Tedesco da Caerano S. Marco

Parziali: I set 23-25/ II set 19-25/ III set  22-25.

Il Chime Castellana  vince contro il Paese squadra retrocessa dalla serie B che fatica in questo primo periodo a dimostrare i propri mezzi tecnici, questo dovuto ad alcuni infortuni e alla costruzione della squadra che si è completata in questo ultimo periodo.

Pertanto, non vi è ancora l’amalgama del gruppo ma lo si comincia a notare.

Infatti, le Castellane sono sempre state sotto in tutti i tre set ma nei finali Bianco e compagne sono state molto brave a reagire e a dimostrare la propria superiorità.

Alla fine pur non giocando una bella pallavolo siamo usciti con il massimo del punteggio che ci consente di stare in scia al Bassano e alle altre squadre favorite per la vittoria finale.

1 set

Il Chime Castellana si presenta presso la palestra comunale Olimpia di Paese con il sestetto composto dalla diagonale palleggio opposto Bianco – Dinello, centrali Tezze – Mazzucco, laterali Giacomuzzo – Marton con i liberi Perli e – Peruffo.

L’inizio del set non è dei migliori le trevigiane si portano immediatamente sul 7 a 2 riusciamo ad impattare sul 14 pari e a superare le avversarie sul 16 a 14 .

Il set continua sui binari di parità fino al 22 a 21 per Paese dove Cisaro è costretto a fermare il gioco per richiamare la massima attenzione.

La battuta di Giacomuzzo e di Tezze nei finali del set e l’innesto in difesa di Ruaro fa sì che la ricezione avversaria sia imprecisa al punto che riusciamo a chiudere il set con un contrattacco efficace per 25 a 23.

2 set

Si riparte con la stessa formazione ma il tema iniziale del set è uguale al primo.

Il Paese si porta subito in vantaggio per 6 a 2 ma riusciamo subito a reagire e impattiamo immediatamente. Anche questo set viaggia sui binari di parità, Cisaro sul 16 a 15 per il Paese prova a dare una accelerata inserendo Sgreva al posto di Marton e l’effetto è positivo.

Infatti, allunghiamo immediatamente, il mister avversario prova a fermare sul 17 a 20 per le castellane ma non sortisce nessun effetto il richiamo fatto e chiudiamo il set meritatamente per 25 a 19.

3 set

Il Chime Castellana parte con la stessa formazione finale del secondo set e questa volta il Paese riesce a mantenere un break di vantaggio per quasi tutto il set.

Cisaro prova a fermare sul 13 a 10 ma non riusciamo a impattare nel punteggio.

Sul 18 pari Ruaro entra al posto di Dinello per cercare di rafforzare la difesa che questa sera non è stata proprio eccellente dovuto anche ad un muro precario.

Ma il Paese allunga immediatamente  e si porta sul 21 a 18; Cisaro ferma immediatamente e richiama la squadra invitandola a reagire pensando che il set non è assolutamente finito.

Grazie al cambio palla immediato, alle difese di Ruaro e Peruffo, alla battuta di Sgreva con il contrattacco di Giacomuzzo effettuiamo il sorpasso sul 23 a 22 e con la battuta di Mazzucco chiudiamo set e partita meritatamente.

Commento:

E’ stata una partita difficile sul piano del ritmo ma siamo stati bravi a reagire e a chiudere tutti i tre set.

Ora ci aspetta un test importante contro la squadra che l’anno scorso ha vinto tutto quello che c’era da vincere.

Sarà molto dura e difficile ma abbiamo il dovere e l’obbligo di provarci .

Buon campionato a tutti.


VIDEO PARTITA


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.